Alzati e risplendi

di Malvi Commenta

Alzati e risplendi è un canto liturgico che punta a rimarcare bellezza e potenzialità di Gerusalemme alla quale viene chiesto di “spogliarsi della sua tristezza” e accogliere una volta per tutte la luce.

esoterismo

Di seguito ecco il testo di uno dei più popolari canti per la liturgia dedicati alla città di Gerusalemme che viene definita, nella parte finale del canto, Città del Signore: “Io farò di te una fonte di gioia, tu sarai chiamata: Città del Signore”. Buona lettura a tutti!

Alzati e risplendi

Alzati e risplendi, ecco la tua luce,
è su te la gloria del Signor. (2x)
Volgi i tuoi occhi e guarda lontano
che il tuo cuore palpiti di allegria.
Ecco i tuoi figli che vengono a te,
le tue figlie danzano di gioia.

Gerusalem, Gerusalem,
spogliati della tua tristezza.
Gerusalem, Gerusalem,
canta e danza al tuo Signor.

Marceranno i popoli alla tua luce,
ed i re vedranno il tuo splendor. (2x)
Stuoli di cammelli t’invaderanno,
tesori dal mare affluiranno a te.
Verranno da Efa, da Saba e da Kedar,
per lodare il nome del Signor.

Figli di stranieri costruiranno le tue mura,
ed i loro re verranno a te. (2x)
Io farò di te una fonte di gioia,
tu sarai chiamata: “Città del Signore”.
Il dolore e il lutto finiranno,
sarai la mia gloria fra le genti.

Ti potrebbe interessare anche:

Ufo su Gerusalemme … verità o veicoli spia

Nel deserto, preghiera per ritrovare fiducia

Catarismo, accenni di storia

L’Arca dell’Alleanza: le teorie sulla vera collocazione

Credo nella pace

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>